Framedrums – tamburi del mediterraneo

Quando:

1 incontro al mese, durata 5 ore


Cos’è:

LABORATORI TEMATICI DI APPROFONDIMENTO

Durante la lezione sarà fornito materiale cartaceo contenente esercizi e composizioni, sono ammesse registrazioni audio, lo studente dovrà presentarsi munito del proprio strumento e con il necessario per scrivere, si consiglia di portare il proprio registratore audio per fissare quanto studiato durante le lezioni.

  • Lezioni individuali su Tamburello, Tammorra, Frame Drums (tecniche da seduti e con il tamburo sollevato davanti al volto, lap style e upright style) Riqq, Bendir, Darbouka, Solkattu (conteggio e vocalizzazione del sud dell’india).
  • La DARBOUKA

“Split hand technique & advanced grooves”

Scopo del Workshop è presentare e sviluppare la tecnica moderna di Darbouka denominata “Split Hand” e inserirla all’interno di ritmi tradizionali, moderni e composizioni per Darbouka. Il Workshop si propone l’obiettivo di sviluppare la tecnica sulla DARBOUKA secondo una concezione “globale”, incorporando concetti e tecniche provenienti dalla tradizione del sud dell’india, dei paesi arabi e dalla Persia in un’ottica di sviluppo dello strumento a 360°, con l’obiettivo di applicare lo strumento in qualunque ciclo ritmico e genere musicale. 

Materiali necessario alla lezione:

– Una Darbouka, o Dholla, o Sombati, modello alla egiziana.
– Il necessario per scrivere e prendere appunti
– Un registratore audio
– Abbigliamento comodo
– VIDEO: al termine della lezione sarà possibile fare dei video riepilogativi della lezione

Livelli: Vista l’unicità del metodo, il Workshop si propone a livello unico, accessibile quindi sia a principianti che ad avanzati e/o professionisti o insegnanti.

Contributo richiesto: 40e
Prenotazione obbligatoria

 

Workshop tematici 2015/2016:

  • TAMBURELLO TOTALE
    Scopo del Workshop è di presentare e sviluppare il metodo creato da Andrea Piccioni e da lui chiamato “TAMBURELLO TOTALE”
  • TAMBURELLO TOTALE II (avanzati)
    Diteggiature e tecniche avanzate per tamburello, utilizzo di tecniche non convenzionali, poliritmie, utilizzo del sistema onomatopeico indiano (solkattu) e arabo (wazn). Composizioni avanzate e studio dei soli.
  • RIQQ I (principianti)
    Introduzione alle tecniche tradizionali nella posizione soft e cabaret. Utilizzo dei sonagli e delle tecniche di scuotimento. Studio dei principali ritmi classici arabi e delle variazioni.
  • RIQQ II(avanzati)
    tecniche di rullo avanzate su pelle e sonagli, tecniche di scuotimento avanzate, studio dei ritmi contestualmente all’utilizzo delle tecniche di rullo su membrana, sonagli e scuotimento ; sviluppo dei soli, composizioni avanzate.
  • TAR
    (upright style, tamburo a cornice sollevato con entrambe le mani, livello unico) analisi delle principali tecniche esecutive sul tar, tecniche di rullo e snap, composizioni.
  • BENDIRI
    (lap style, tamburo a cornice suonato da seduti col tamburo poggiato su una gamba) analisi delllo stile ideato da Glen Velez che incorpora tecniche arabe (Dum, Ta), tecniche azere (snap) e tecniche indiane (split hand). Composizioni e ritmi non convenzionali.
  • BENDIR II
    (lap style, tamburo a cornice suonato da seduti col tamburo poggiato su una gamba) sviluppo dello strumento, tecniche avanzate di snapping e di rullo a due mani, composizioni avanzate, studio del solo.
  • DARBOUKA (livello unico)
    tecniche moderne per darbouka, split hand, tecniche di rullo avanzato, composizioni, studio dei ritmi tradizionali e delle variazioni contestualmente alle tecniche trattate, studio del solo.
  • TAMBURO A CORNICE “Lap Style”
    (ovvero suonato da seduti)  Bodhran, Mizhar, Duff, Tar, Bendir, Tammorra Muta

 

A cura di:

Andrea Piccioni è Considerato tra i massimi esponenti dell’arte dei tamburi a cornice, ha sviluppato una straordinaria capacità di muoversi attraverso i generi e gli stili musicali rielaborando il linguaggio sul tamburello e sui tamburi a cornice in una modalità personalissima, al contempo virtuosa ed espressiva. Ha collaborato trasversalmente dal jazz alla world music alla musica antica con grandi artisti del panorama internazionale fra cui: Nidi D’arac, Unavantaluna, Indaco, Lucilla Galeazzi, Tamburo Mundi (Ge), Glen Velez (Usa), Caitríona O’Leary and Dúlra (Irl), Antonio Calogero, Ensemble Fisfuz (Ge/Turk), Paul McCandless (Usa), Giovanni Palombo, Gabriele, Coen, Luciano Biondini, Gianluigi Trovesi, Freiburger Spielleyt (Ge), Orlando Di Lasso Ensemble (Ge), Les Haulz Et Les Bas (Ge), eX (Early Music Ensemble Irl). Tiene regolarmente workshop e masterclass nei più prestigiosi festivals e accademie in tutto il mondo, tra cui: NAFDA (USA), BIG BANG FESTIVAL (Dublin, IR), INTERNATIONALEPERCUSSIONFESTIVAL FREISTADT(Freistadt, AUST), FESTIVAL INTERNACIONAL DE PERCUSSIO’ (Barcellona, SP), TAMBURI IRAN (Isfahan,IRAN), PERCPAN 2009 (Brasile), WOMAD ABU DABHI (Emirati Arabi), WOMAD CHARLTON PARK (Londra, UK), ROYAL ALBERT HALL, (Londra, UK) ed è stato docente residente presso il più importante festival mondiale di frame drums per ben 7 edizioni: TAMBURI MUNDI (Freiburg, GE). Durante l’anno accademico 2008 / 2009 è stato docente del corso di TAMBURI A CORNICE E PERCUSSIONI DEL MEDITERRANEO presso il Conservatorio di Vicenza “Arrigo Pedrollo”.

E’ socio-fondatore dell’associazione per lo sviluppo e la diffusione dei tamburi a cornice FRAME DRUMS ITALIA di cui è stato Presidente per 4 anni, l’associazione organizza un festival annuale nelle Marche (FRAMEDRUMSITALIA) e ne è direttore artistico.

descrizione a cura di Andrea piccioni